La comunicazione persuasiva per una prevenzione più efficace.

Corsi, Eventi

La necessità del rispetto delle misure di prevenzione degli incidenti sul lavoro è vissuta spesso, nei contesti professionali, con insofferenza. Per i responsabili della sicurezza è così obiettivamente difficile far rispettare le misure di prevenzione, viste come un peso. A volte, i rapporti si incrinano proprio su discussioni relative alla necessità di prestare attenzione e di assumere alcuni atteggiamenti precauzionali.
Le varie figure professionali previste dalla legge sono così vissute, da colleghi e sottoposti, negativamente, a volte addirittura con fastidio.
Del resto, la percezione del rischio dipende da fattori razionali, come l’uso della probabilità e della logica, ma anche fortemente dalle emozioni.
Le emozioni giocano un ruolo importante sia nel far capire l’entità del rischio, sia nel percepirlo. Ecco perché non bisogna fermarsi alle proprie sensazioni per convincere gli altri ad avere la medesima percezione.
Non bastano la competenza e l’esperienza “tecnica”.
Occorre sapere comunicare bene, con efficacia persuasiva, modulando il proprio atteggiamento in ragione dell’interlocutore e delle sue esigenze.
Il corso intende far acquisire tali capacità, essenziali per capire gli altri, conquistarne l’attenzione e modificarne la percezione del rischio.

Valido come Aggiornamento per RSPP, ASPP, Datori di lavoro, Dirigenti, Preposti, Formatori e Coordinatori sicurezza cantieri (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

La prevenzione degli incidenti a scuola, con la comunicazione

Consulenze, Corsi

Migliaia di docenti, responsabili amministrativi e di studenti, decine di dirigenti scolastici a fare, assieme a me, un percorso per la prevenzione degli incidenti nelle scuole. Perché la prevenzione la si fa anche con un’adeguata consapevolezza e con la capacità di comunicare. Avanti tutta.

Maledetto Covid, non ci avrai!

Corsi, Eventi

Continuano con successo gli incontri virtuali con centinaia di insegnanti delle scuole italiane. Il virus ci sta impedendo di farlo dal vivo e noi ci siamo adattati per viverci per il momento virtualmente, in attesa ci si possa incontrare e abbracciare. Il clima è eccezionale, la voglia di crescere tutti assieme è alle stelle, nonostante tutto ciò che si sta vivendo. Gli incontri con 200 insegnanti alla volta non ci fermano e non ci impediscono di relazionarci. La tecnologia è prodigiosa e tocca a noi riuscire a comunicare anche in questo modo, perché la scuola, i bambini, i ragazzi, lo meritano e lo meritano gli insegnanti per poter vivere questo lavoro che è ancora prima una missione, con maggiore incisività e serenità.

Avanti tutta. Maledetto Covid, non ci avrai!

L’intelligenza emotiva a scuola e le lettere manoscritte

Eventi, Riflessioni

Stanno aumentando con successo le iniziative di molti insegnanti delle primarie italiane consistenti nel fare comunicare i bambini attraverso lettere scritte di proprio pugno e inviate a coetanei di altre scuole con un circuito ormai consolidato di posta reale, cartacea. Un vezzo che si è perso, con il sopravvento del digitale, delle email e delle video chiamate. I bambini apprezzano, riscoprono l’emozione dello scrivere a mano e dell’attesa trepidante di ricevere una lettera, del comprare un francobollo e dell’andare a spedire le lettere alla Posta. Emozioni, profumi, consapevolezza, responsabilità, sensazioni persi nel tempo e sconosciuti alle nuove generazioni.
L’intelligenza emotiva la si allena anche così.
Applausi.

Whatsapp e la privacy

Riflessioni

Cambiano i termini di adesione a Whatsapp per quanto riguarda la nostra privacy. E’ ovvio che la stragrande maggioranza di noi vi aderirà perché usa quotidianamente questo social e non vorrà privarsene ma è importante essere consapevoli che si rafforza il trattamento di dati da parte di Facebook (proprietaria) per strategie pubblicitarie mirate dei propri clienti. Insomma, saremo “carne da macello” ma almeno lo vorremo essere…

La didattica a distanza e la privacy

Riflessioni

La didattica a distanza e i concorsi on line stanno presentando nuove questioni di gestione e controllo degli studenti e dei partecipanti. Come controllare che non copino e non si facciano suggerire, soprattutto nel caso dei corsi universitari e dei concorsi con centinaia o migliaia di partecipanti?
Alcune università stanno utilizzando dei software con algoritmi che segnalano, leggendo le espressioni del volto e il comportamento dello studente e del partecipante, se stanno copiano o meno.
Bella invenzione ma pericolosa e infatti studenti e partecipanti pongono il problema della privacy.
Fin dove si può spingere la tecnologia, senza invadere, in maniera quasi coercitiva, la nostra privacy?

Con i ragazzi, per aiutarli a comunicare meglio

Consulenze, Corsi, Eventi

Ieri ho iniziato, assieme agli studenti di una quinta liceo romagnola, un bel percorso di miglioramento della comunicazione e di allenamento dell’intelligenza emotiva. Li aspettano mesi difficili, di consapevolezza e di scelte importanti. Sono motivati, determinati e solo il fatto che abbiano deciso di lavorare con me durante le feste di Natale ne è la prova. Sono loro a dare energia a me. Romagna mia, Romagna e i suoi fiori.

Gli incontri con gli insegnanti

Corsi

In questi mesi, ho avuto occasione di incontrare (virtualmente) migliaia di docenti delle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado di tutta Italia. La chiave di tutto è l’intelligenza emotiva, così drammaticamente trascurata dalle istituzioni pubbliche e invece così indispensabile per gli insegnanti, i bambini e i ragazzi. Il riscontro è sempre straordinario. Nei prossimi mesi continuerò questi corsi on line, con altre migliaia di insegnanti, nell’ attesa di rivederci dal vivo e poter finalmente abbracciarci.

Con Daniel Goleman, ad allenare l’intelligenza emotiva

Biografia, Corsi, Eventi

Spesso, passo con entusiasmo da formatore a partecipante a seminari di aggiornamento e ampliamento delle mie conoscenze.
Martedì e mercoledì ho avuto occasione di seguirne uno diretto dal Guru dell’intelligenza emotiva Daniel Goleman e, dato che l’intelligenza emotiva è alla base di tutti i corsi che tengo da anni a professionisti, imprenditori, dipendenti, docenti e ragazzi…è stato un bel tuffo negli spazi che adoro.

1.000 mi piace alla pagina Facebook, per comunicare meglio

Biografia, Consulenze, Corsi, Riflessioni

Oggi abbiamo sfondato il muro dei 1.000 “mi piace” alla pagina Facebook: “Claudio Calì – comunicazione innovativa“.
E’ accaduto con naturalezza, senza forzature. Se comunicare, spesso, è come fare segnali di fumo in una giornata piena di vento, in questa pagina il vento non c’è.

GRAZIE DELLA FIDUCIA